Consultar disponibilidad
Misa Criolla Italia Tour
Grupo Alturas & Coro Quid Libet di Parma
Il Coro Quod Libet di Parma& il grupo Alturas di Peru proponen nel suo repertorio la straordinaria Misa Criolla, una splendida sintesi tra musica sacra, popolare e folklorica, scritta dal compositore argentino contemporaneo Ariel Ramirez (1921-2010).

La Misa Criolla è unica nel suo genere. In essa i ritmi e la tradizione ispano americana si intrecciano con i temi della tradizionale messa religiosa. Composta nel 1963, la Misa Criolla è stata concepita da Ramirez come un’opera per solisti, coro e orchestra, espressione di forme musicali puramente folkloriche caratterizzate dalla presenza di strumenti e ritmi tipici della tradizione popolare latino americana.

Nella Misa Criolla, Ariel Ramirez ha saputo conciliare il fervore religioso con l’elemento folklorico dando ad ogni sequenza della messa un elemento di originalità: il Kyrie apre la messa con i ritmi della vidala e della baguala, due forme espressive particolarmente rappresentative della musica folkorica creola argentina; la gioia del Gloria viene esaltata dalla vivacità di una delle danze argentine più popolari: il carnavalito, segnato qui dalle note del charango; per il Credo, Ramirez sceglie il popolare ritmo andino della chacarera trunca, dando alla linea melodica drammatica un ritmo ossessivo, quasi esasperato; il Sanctus, prende invece le mosse dal Carnaval de Cochahamba, uno dei ritmi più suggestivi del folklore boliviano e, infine, l’Agnus Dei conclude la messa sullo stile della Pampa argentina.

Il Coro propone un programma di concerto che prevede l’esecuzione della Misa Criolla insieme a due solisti e ad un ensemble di strumenti tradizionali dell’area andina e americana. Generalmente, con la messa, vengono proposti brani per coro a cappella scritti da importanti compositori spagnoli e latino americani.

PRESS

"Folclore come un condor che vola in alto" L'idea di rivendicare il folclore di ogni nazione come una parte integrante della propria cultura nazionale non è, naturalmente, del tutto nuova.

Ma forse è ancora maggiore l'idea di trasformare quel folclore in una creazione musicale con un virtuosismi di prima classe senza sminuirne il valore o privarlo della sua forza motrice.

Questo è ciò che Ariel Ramirez, uno dei più importanti compositori di musica folcloristica dell'America odierna, ha fatto con la musica popolare del suo paese; l'Argentina.

(Luis Antonio de Villena El País - Madrid, 1983)

"Nella sua Misa Criolla, come nella maggioranza delle sue opere, Ariel Ramirez sa come trattenersi all'interno della proiezione folcloristica con un alto grado di sincerità e di rispetto che rifuggono da complicità demagogiche. Il bilancio spirituale è esemplare. Egli sa come raggiungere alti picchi di emozione senza deviare dalla nobiltà dei suoi significati. Le ovazioni ricevute al Teatro Colòn di Buenos Aires è stata ancora un'altra prova, sebbene non necessaria, che questa premessa maestosa non era, di fatto, troppo grande per ciò. L'opera è meravigliosa, caldamente Americana, e raggiunge una piena sintesi tra il silvestre (selvaggio) e l'accademico; questo le assegna un posto unico nell'arte Argentina contemporanea"

(Napoleón Cabrera Clarín - Buenos Aires, l964)

"La Misa Criolla (Messa Creola) del compositore Argentino Ariel Ramirez, divenuta celebre in pochi mesi grazie ad una registrazione impeccabile, è uno delle rare grandi opere originate dalla recente riforma liturgica. Il convenzionale della messa in Spagnolo, gli strumenti (chitarra, clavicembalo, tamburi, tom-tom, ecc.)ed i ritmi folcloristici si fondono tra loro in modo miracoloso:
La tragicità del ritmo "Vidala" an "Baguala" del Kyrie : le voci soffuse e tenui del coro e dei solisti "giungono dall'anima"; la giocosità del ritmo "carnavalito yaraví" nel Gloria con il rapido scambio di risposte come negli "spirituals" dei negri; Le frizzanti chitarre e "charangos", gli oratori, le evanescenze, le immobilità del Domine Fili Unigenite e la semplice e candida gaiezza del Sanctus; il ritmo vibrante ed ossessivo del "Chacarera Trunca", che sottolinea le affermazioni del Credo con la meravigliosa parafrasi della resurrezione; il ritmo "Carnaval" del Cochabamba per l'allegria degli angeli in paradiso; ed infine, l'ammirabile Agnus Dei, luminoso come uno di Mozart"

(Jacques Lonchampt Le Monde - Paris, 1970)

".. senza abbandonare il suo tono, seza aspirare alla volgarità di imitare un tono bourgeois, mantiene un livello rituale e si eleva in intensità senza alcuna forzatura. Con la sua opera di indubbio valore universale, l'Argentina dà al mondo un esempio di come sia possibile integrare i popoli nella grande cultura per la via più sicura, che è quella della religione. C'è da attendersi che l'intero mondo Cristiano conoscerà e saprà come apprezzare presto la bellezza di questa ammirabile Misa Criolla.

(Salvador de Madariaga London, 1965)

diseño web   C/ Estrella Polar 12, 5 Izq – 28007 Madrid Tel : (+34) 915 458 955 | E-mai: info@produccioneslastra.com